NEWS

Giuliano Razzoli, campione a km zero: “Non ho fatto niente di speciale, sono cresciuto passo dopo passo nel nostro Appennino”

Categories: News Eventi

Gli studenti collegati con l’olimpionico: per tutti l’opportunità di uno screenshot con dedica ed autografo in tempo reale del “Razzo”

Un campione “a chilometri zero”. Con questa auto-definizione Giuliano Razzoli si è presentato agli studenti dell’IC Bismantova riuniti e collegati in DAD durante la videoconferenza promossa nelle ore di educazione fisica a distanza grazie al progetto Multisport ne’ Monti. “Con gli sci a piedi sono nato e cresciuto nel nostro Appennino e solo dopo i 18 anni ho iniziato a viaggiare grazie allo sport. Fino ad allora mi sono allenato a Civago, a Febbio e al Ventasso con i maestri, gli istruttori e le persone più autentiche del nostro territorio”. Con queste parole il campione olimpico di Vancouver ha risposto alla prima domanda che gli è stata posta dai ragazzi di seconda media di Castelnovo ne’ Monti e di Felina. “Ricordo la prima gara al Cerreto, avevo 9 anni e mai avrei allora immaginato che ci poteva essere una medaglia olimpica nella mia vita e che Razzolo (la frazione villaminozzese dove Razzoli è cresciuto e dove vive ancora la sua famiglia, ndr) fosse così vicina a Vancouver. Non ho fatto niente di speciale perché solo passo dopo passo, anno dopo anno – ha detto Razzo – ho sentito crescere le mie ambizioni e quando nel febbraio 2010 sono partito per il Canada ero consapevole di potermela giocare, mi sentivo in forma e pronto per scendere in pista con grandi ambizioni”.
Dopo un simpatico dialogo con Luca Simonelli, moderatore della chat, e dopo un bellissimo video che in 4 minuti ha riassunto la storia del Campione Olimpico, sono partite a raffica le domande degli studenti. Federico, Aura, Alessia, Ramon, Giovanni, Luca, Roberto, Leon ed altri hanno spaziato dalle emozioni del podio all’attesa fra la prima e la seconda manche, dai sacrifici per arrivare in alto nello sport agli sciatori più simpatici del circuito, dalla scelta fra il calcio e lo sci alpino allo sciatore al quale si ispirava quando eri giovane.
Proprio grazie a quest’ultima domanda Giuliano Razzoli ha confermato la sua grande ammirazione per Alberto Tomba, campione che aveva preso come riferimento dei suoi sogni. Nel dialogo con gli studenti non sono mancati l’attaccamento alla famiglia di Giuliano e la sua gioia di impegnarsi nelle attività della tenuta di Razzolo: “Quando arriverà il momento di chiudere la carriera di sciatore, arriverà l’ora di inaugurare l’acetaia Razzoli, anzi no, penso che la inaugureremo prima, perché di sciare ad alti livelli ne ho ancora tanta voglia”.
Nelle fasi conclusive dello streaming è intervenuto il Sindaco Enrico Bini che ha voluto personalmente ringraziare Giuliano Razzoli quale “ragazzo del nostro territorio che con la sua voglia di emergere e la capacità di impegnarsi ed avere pazienza ci ha insegnato tanto nello sport e nella vita”. Oltre agli studenti di quattro classi, alla videoconferenza hanno partecipato anche gli insegnanti Marta Brogliatto, Annamaria Bacci e Gerardo Torluccio e Roberto Zanini di Polisportiva Quadrifoglio, società sportiva capofila del progetto.
L’incontro si è concluso con Giuliano Razzoli che a distanza ha scritto una dedica ed autografato una propria cartolina con un abile utilizzo in modalità “sign pad” del proprio computer, offrendo così agli studenti il più originale degli screenshot.
Multisport ne’ Monti è un progetto realizzato in collaborazione con il Comune di Castelnovo ne’ Monti ed Eduiren ed è sostenuto dalla Legge 8/2017 della Regione Emilia-Romagna.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Continuando la navigazione o scorrendo la pagina accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Più informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi