NEWS

Entrano in vigore due ordinanze, sulla custodia dei cani e sul divieto di fumo nei parchi pubblici

Categories: News istituzionali

L’Amministrazione comunale di Castelnovo ha emesso due ordinanze che hanno l’obiettivo di incrementare il decoro e l’igiene delle aree pubbliche. La prima riguarda la custodia dei cani. Spiega l’Assessore all’Ambiente e al Turismo Chiara Borghi: “Purtroppo abbiamo rilevato problematiche igienico sanitarie derivate dall’abbandono di deiezioni canine in strade, piazze e aree verdi pubbliche. Una situazione che reca danno all’immagine e al decoro del paese, oltre che comprensibili disagi ai cittadini. Abbiamo quindi ritenuto opportuno disciplinare l’accompagnamento dei cani nelle aree pubbliche”. L’ordinanza impone ai proprietari o detentori a qualsiasi titolo di cani, di raccogliere immediatamente le feci in sacchetti di plastica, che una volta chiusi dovranno essere conferiti negli appositi contenitori o in mancanza nei cassonetti per la raccolta dei rifiuti residui; ovviamente sarà obbligatorio avere con sé gli strumenti di raccolta, paletta e/o sacchetto, che dovranno essere esibiti a richiesta degli organi di vigilanza. È inoltre vietato lasciare liberi i cani in ambienti urbani, su strade pubbliche o aperte al pubblico, nei giardini e parchi pubblici, nelle aree attrezzate adibite a gioco dei bambini e nelle zone destinate a verde pubblico, ad eccezione delle aree appositamente destinate ai cani. Inoltre per prevenire danni a persone, altri animali o cose, si dovrà utilizzare sempre il guinzaglio ad una misura non superiore a 1,5 metri durante la conduzione del cane in aree urbane e luoghi aperti al pubblico.

La seconda ordinanza – prosegue l’Assessore Borghi – riguarda il divieto di fumo all’interno dei parchi pubblici. Anche il fumo passivo ha delle gravi ripercussioni sulla salute, ci sono studi recenti che lo confermano, e da controlli effettuati sul territorio comunale è emerso che nei parchi pubblici numerosi adulti fumano in presenza di bambini, fornendo anche un cattivo esempio. I residui delle sigarette inoltre spesso vengono gettati a terra senza riguardo. L’ordinanza dispone dunque il divieto di fumare nelle aree destinate al gioco dei bambini nei giardini e nei parchi pubblici. Entrambe le ordinanze prevedono sanzioni in caso di inosservanza, e la Polizia municipale vigilerà affinchè siano rispettate”.

Allegati

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Continuando la navigazione o scorrendo la pagina accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Più informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi