NEWS

Le azioni del Servizio Sociale Unificato insieme agli altri soggetti attivi sulle dipendenze e la prevenzione primaria

Categories: News istituzionali

Stanno cambiando rapidamente, evidenziando nuovi settori e necessità di intervento, le attività seguite del “Tavolo di progettazione” che vede collaborare il Servizio sociale Unificato con gli altri soggetti attivi sulle tematiche, molto delicate, delle dipendenze e della prevenzione primaria. Dal bullismo, all’’uso e abuso delle nuove tecnologie, fino al cyber bullismo, per arrivare alle ludopatie. Spiega l’’Assessore ai Servizi sociali di Castelnovo Monti, Emanuele Ferrari: “Stiamo lavorando attraverso un approccio innovativo, anche sull’’onda delle richieste che ci arrivano da parte dei cittadini, in particolare genitori che ci chiedono un’’attenzione e un riguardo particolari verso problematiche che affrontano i loro ragazzi”. Le azioni sono state elaborate dal Servizio Sociale Unificato di Castelnovo in collaborazione con l’Ausl di Reggio Emilia, nell’’ambito del tavolo di progettazione, prevenzione primaria e sulle dipendenze, che vede la collaborazione di diversi soggetti quali Servizio Tossicodipendenze (SerT), Centro di coordinamento per la qualificazione scolastica (Ccqs), Cps Cooperativa di Prevenzione Sociale, Papa Giovanni XXIII – Area Lavoro di Strada, Luoghi di Prevenzione – Centro regionale di didattica multimediale per la promozione della salute, e due insegnanti dell’Istituto Comprensivo “Nelson Mandela”. L’obiettivo del tavolo in origine è stato quello di promuovere interventi di prevenzione sulle dipendenze da sostanze e da alcol, rivolti alle scuole, alla cittadinanza e ai gruppi informali, creando nel contempo una rete per coordinare le attività rendendole il più possibile efficienti ed efficaci. Negli anni lo scenario delle dipendenze è cambiato e sono emerse nuove problematiche”. Tra queste ad esempio le ludopatie, le dipendenze da gioco d’azzardo, e i problemi connessi a un uso improprio della rete e dei social network, che sebbene non siano ancora trattati nei Servizi pubblici, destano molta preoccupazione nelle famiglie. “L’’obiettivo – conclude Ferrari – è di aggiungere ulteriori protagonisti alle azioni progettate dal tavolo di lavoro: la pluralità degli insegnanti, rappresentanze dei genitori e in generale del mondo degli adulti”.

In questi anni intanto le azioni progettate dal Tavolo hanno portato importanti risultati: nel 2015 è stata avanzata una proposta formativa agli insegnanti sul tema delle dipendenze, che ha registrato una partecipazione consistente e ha portato alla nascita di un gruppo di docenti referenti delle scuole primarie e secondarie. C’’è un ulteriore percorso in fase di costruzione con i rappresentanti di Istituto, rivolto ai genitori, e una prosecuzione della formazione degli insegnanti sempre sui temi dell’uso e possibile abuso del web. Altra esperienza significativa è stata il percorso realizzato con i genitori, i giovani e la Comunità di Villa Minozzo che ha portato alla riapertura dell’Oratorio “Il Bunker”, che ad oggi vede la partecipazione di adulti e ragazzi.

Accanto alle progettazioni trasversali ogni agenzia mantiene anche le proprie iniziative specifiche:

  • l’Associazione Papa Giovanni XXIII con il progetto “Operatori di strada” lavora in ambiti informali, ma sul territorio appenninico collabora anche con la scuola e realizza ormai in modo stabile il Progetto accoglienza con l’istituto Nelson Mandela e gli psicologi scolastici. Vengono realizzati interventi sul tema delle sostanze all’interno delle scuole secondarie, ma anche interventi rivolti a compagnie giovanili, in eventi estivi.
  • Cps realizza interventi in collaborazione con le scuole e da un paio di anni è stata attivata la possibilità di avere degli interventi individuali rivolti a ragazzi, genitori e insegnanti, laddove emergono problematiche non conclamate di dipendenza: progetti di sportello educativo negli Istituti per il contrasto all’uso e all’abuso di stupefacenti, percorsi di prevenzione primaria sui temi della “promozione del benessere”, i comportamenti a rischio, con particolare riferimento alle dinamiche pre-adolescenziali e adolescenziali, il supporto alla genitorialità, l’animazione del territorio e il teatro socio-educativo.
  • Infine Luoghi di Prevenzione – centro regionale di didattica multimediale per la promozione della salute, porta avanti interventi rivolti a studenti, insegnanti, alle comunità, per la promozione di corretti stili di vita (su problematiche collegate ad alcol, alimentazione, tabacco).

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Continuando la navigazione o scorrendo la pagina accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Più informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi